Caraibi, scoperti i reperti di un popolo arcaico

I Maya non furono prima civiltà del Centro America «I risultati ottenuti ci proiettano finalmente sulle tracce delle prime comunità che hanno colonizzato le isole del Centro America» Tracce di una nuova civiltà sconosciuta precedente all’epoca dei Maya e degli Atztechi Questa la scoperta emersa dai risultati degli scavi del sito di El Pozito, nella penisola di Samanà a nord-est della Repubblica Dominicana

Si potrebbe trattare di gruppi preistorici, di epoca compresa tra il 4000 e il 400 avanti Cristo, precedenti alle popolazioni con le quali si confrontò Cristoforo Colombo al suo arrivo nel ‘Nuovo Mondo’. La scoperta del raro abitato di epoca pre-agricola è avvenuta nell’ambito della missione archeologica e antropologica del dipartimento di Storia, antropologia, religioni, arte e spettacolo dell’Università Sapienza di Roma. Su questi popoli non avevamo finora informazioni. Si tratta di gruppi preistorici che non praticavano l’agricoltura. Erano cacciatori-raccoglitori e le loro attività primarie erano la pesca e la raccolta di molluschi molto grandi, le cui conchiglie venivano utilizzate anche per realizzare strumenti usati nei rituali per ottenere prosperità e abbondanza di cibo». l ritrovamento «più importante» – secondo gli studiosi – fa riferimento a 12 pestelli (majadores) di pregevole fattura deposti all’interno di un pozzetto rituale, che differiscono tra loro sia per la materia prima utilizzata che per la manifattura. Su questi strumenti sono visibili tracce di usura e numerosi residui di radici commestibili perfettamente conservati. «La scelta di deporre questi strumenti in un’area adibita alla lavorazione delle risorse primarie necessarie alla sussistenza del gruppo – spiegano i ricercatori – induce a credere che si tratti di una sorta di offerta rituale riferibile alla sfera cultuale ma connessa anche alle pratiche di sussistenza». L’area identificata si riferisce a un abitato caratterizzato principalmente da un’ampia porzione di una officina di lavorazione di materie prime come grandi molluschi marini quali lumache (come la conchiglia regina e la gazza di gabbiano) e i bivalvi (come la cosiddetta tigre lucina) accanto a una incredibile quantità di molluschi terrestri, sfruttati sia per uso alimentare che per la produzione di strumenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...