solidarietà da parte di ISDE ad Ambientalisti impegnati nella salvaguardia dell’Ambiente – Tribunale di Bolzano

ll 15 settembre si terrà presso il Tribunale di Bolzano il processo per diffamazione intentato dall’ Assessorato all’ Agricoltura della Provincia Autonoma di Bolzano e da oltre un migliaio di agricoltori locali, verso due ambientalisti impegnati nella salvaguardia dell’ambiente, imputate di avere richiamato l’attenzione sull’eccessivo uso dei fitofarmaci nella melicoltura.L’Associazione Medici per l’Ambiente ISDE stigmatizza e condanna l’uso delle azioni giudiziarie per tacitare chi solleva questo, come altri gravi problemi ambientali che coinvolgono la salute delle persone. Come Medici siamo da sempre molto vigili nel denunciare i rischi connessi all’uso di pesticidi ed ormai confermati da una mole ormai notevolissima di studi scientifici. Questi rischi sono documentati non solo per esposizione acuta (avvelenamenti), ma anche per dosi piccole e ripetute nel tempo (esposizione cronica) e comportano danni alla salute non solo per chi li manipola, li sparge o vive in prossimità nei territori dove vengono usati, ma per l’intera popolazione, specie per le sue component più fragili: donne in gravidanza, bambini, anziani. Si tratta infatti di molecole molto spesso persistenti, tossiche anche a dosi molto basse ed ormai presenti in aria, acqua, suolo, cibo e nei nostri stessi corpi con possibilità di trasmissione alla prole attraverso danni epigenetici. Cercare di esasperare le tensioni tra chi lavora la terra e coloro che si impegnano per ridurre fino ad abolire l’uso di sostanze tossiche per la salute non è utile per nessuno. Ora più che mai è chiaro a tutti quanto sia indispensabile ed urgente vivere in un ambiente salubre, in cui l’ecosistema sia rispettato e le persone possano disporre di aria, acqua, cibo non contaminato. L’uso dello strumento giudiziario, da parte di un organo dello Stato, per ostacolare questo percorso, è
particolarmente grave in quanto va contro l’obbligo costituzionale di tutelare la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività (art.32) e può diventare un pericoloso precedente.Noi Medici per l’Ambiente mai verremmo meno al nostro impegno di informare la popolazione e difendere la salute umana dai rischi ambientali, nel rispetto del nostro Codice Deontologico.

Roberto Romizi                                         Paolo Bortolotti
Presidente ISDE Italia                              Presidente ISDE Trentino Alto Adige

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...