“La Sinistra” a Cortona organizza l’iniziativa: Regionalismo differenziato. La secessione dei ricchi.

A Cortona, venerdì 17 maggio, ore 21,00, presso la sala civica “C. Pavolini”, Piazza Signorelli, la lista per le elezioni europee “La Sinistra” organizza l’incontro sul “Regionalismo differenziato. La secessione dei ricchi” un tema sulla proposta del governo di ridefinizione dei diritti a geometria variabile contenuto nella cosiddetta “autonomia differenziata non è entrato” nel dibattito elettorale in corso, nazionale e per le europee, ufficialmente perché non attinente alle questioni comunali ed europee, più probabilmente perché imbarazzante per gran parte delle forze in campo per le implicazioni importanti sia a livello locale che europeo, sul piano normativo e dei diritti costituzionalmente sanciti. Di qui la scelta di organizzare l’incontro di venerdì 17 maggio. In applicazione dell’art. 116, 3° comma, della Costituzione (come modificato con la riforma del Titolo V nel 2001), le regioni Veneto, Lombardia e Emilia-Romagna e, in forma minore la stessa Toscana (con la risoluzione approvata il 7 luglio 2018 dal Consiglio Regionale toscano che impegnava la Giunta ‘a proseguire nell’azione intrapresa per l’attribuzione della maggiore autonomia) rivendicano l’ampliamento delle loro competenze su oltre 20 delle materie previste nell’art. 117 della Costituzione e l’attribuzione delle risorse finanziarie in base alla relativa ‘spesa storica’. La richiesta di maggiore autonomia è oggetto di numerose contestazioni da parte di gran parte dei costituzionalisti, non solo per le conseguenze sul piano della solidarietà fiscale nazionale, essenziale per garantire l’eguaglianza dei diritti elencati nella Prima Parte della Costituzione, ma anche in merito alla possibilità di una organizzazione di servizi essenziali come quelli sanitario e scolastico, delle politiche ambientali e dei beni culturali che garantiscano effettiva eguaglianza fra tutti i cittadini, fino a configurare quella che è stata definita una ‘secessione dei ricchi’. Preoccupazioni anche per le procedure ad oggi previste con un iter parlamentare semplificato che esclude dal processo decisionale sia gli enti locali (Comuni, Città metropolitane e Province), che lo stesso Parlamento, chiamato ad avallare senza possibilità di emendamenti il testo proposto dal Governo. Le norme ‘operative’ troverebbero infine definizione in singoli DPCM, sottratti alla valutazione della Consulta e non soggetti a possibili referendum Su tutti questi aspetti incombe il dubbio della incostituzionalità e della possibilità per la stessa Corte Costituzionale di svolgere il suo ruolo di garanzia. Ne parliamo con: Giovanni Russo Spena, docente universitario ed ex parlamentare di Rifondazione Comunista, è responsabile del dipartimento Giustizia del Prc e con Tommaso Grassi consigliere comunale del gruppo “Firenze riparte a Sinistra, Sel, Prc” e candidato alle elezioni europee per “La Sinistra”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...