CITTA’ DI CASTELLO PREMIA LA VOCE STORICA DI “TUTTO IL CALCIO MINUTO PER MINUTO

 

UNA TARGA CON I SIMBOLI DELLA CITTA’ A RICCARDO CUCCHI DOPO UNA GIORNATA DI FORMAZIONE PROFESSIONALE – CUCCHI: “ORGOGLIOSO DI QUESTO PREMIO E DI VIVERE IN UMBRIA” Una targa ricordo con il simbolo del palazzo comunale, della cattedrale e della torre Civica della città a Riccardo Cucchi, voce storica del calcio e dello sport che per tanti anni, dietro ad un microfono, ad un monitor, una telecamera ha commentato con grande professionalità le partite di calcio del campionato, della nazionale e di altre discipline sportive. Questa mattina, nella sala consiliare del comune di Città di Castello, il sindaco Luciano Bacchetta e l’assessore allo Sport, Massimo Massetti, al termine di una intenso e partecipato corso di formazione professionale organizzato dall’Ordine dei Giornalisti dell’Umbria su, “Evoluzione del giornalismo sportivo attraverso i tempi, le tecniche, i linguaggi e i nuovi media”, hanno consegnato al “re” delle radiocronache, un riconoscimento alla brillante carriera. “Riccardo Cucchi ha rappresentato per diverse generazioni, una voce amica, un punto di riferimento delle domeniche con le orecchie attaccate alle radioline poi nel corso degli anni ai nuovi ritrovati della tecnlogia e della televisione. Quel dare la linea ai propri colleghi dagli stadi italiani e da quelli internazionali dove era impegnata la nazionale, quel piglio inconfondibile ed unico nel raccontare quello che stava osservando in campo, quelle emozioni che ci ha fatto provare a tanti di noi quando interrompeva i collegamenti ad ogni gol della nostra squadra del cuore, appartengono alla storia del calcio e del giornalismo, al nostro passato al presente e futuro di cui andare fieri ed orgogliosi. Grazie Riccardo per le emezioni che ci hai fatto provare, grazie per la professionalità che hai sempre dimostrato nel tuo lavoro: siano di esempio per i tanti giovani che con speranza e desiderio vogliono intraprendere questo affascinante mestiere”. E’ quanto dichiarato dal sindaco Bacchetta e dall’assessore allo sport Massetti prima della consegna della targa a Riccardo Cucchi, affiancati dal responsabile del Servizio di Medicina dello Sport dell’Ospedale di Città di Castello e Presidente del Comitato regionale Umbria LND, Luigi Repace, dal consigliere dell’Ordine Regionale dei Giornalisti, Massimo Angeletti, dal delegato Ussi (Unione stampa sportiva italiana) Paolo Puletti (che ha letto un breve messaggio di saluto del collega Rai e amico Antonello Brughini), dall’onorevole Walter Verini e dai presidenti e addetti ai lavori delle società di calcio del comune di Città di Castello intervenuti alla cerimonia di premiazione. Bacchetta e Massetti hanno ringraziato l’Ordine Regionale dei Giornalisti nella persona del presidente Roberto Conticelli “ (impossibilitato ad intervenire all’incontro) “per aver individuato ancora una volta Citta’ di Castello come luogo di svolgimento di importanti momenti di formazione che, come in questo caso, consentono di tributare un giusto riconoscimento a personaggi di primo piano del settore dell’informazione legati alla nostra regione e città da vincoli di stima ed amicizia reciproca”.Riccardo Cucchi, prima di ricevere il premio, nel giorno del suo compleanno, ha partecipato in veste di docente al Corso di formazione sull’evoluzione del giornalismo sportivo inserito nella programmazione dei propri corsi di formazione professionale continua, assieme a Massimo Angeletti, giornalista Rai e al responsabile della redazione Umbria Ansa, Claudio Sebastiani. Soddisfatto e visibilmente emozionato, nel ricevere la targa realizzata da un artigiano tifernate, Riccardo Cucchi, ha ringraziato il sindaco Bacchetta, i colleghi giornalisti, i rappresentanti della Figc e i numerosi presidenti di calcio e sportivi presenti per questo riconoscimento che “mi rende orgoglioso di appartenere a questa meravigliosa regione dove da tempo risiedo per alcuni periodi dell’anno e che rappresenta un passaggio importante della mia vita. Oggi assieme a tutti voi – ha detto Cucchi – ho vissuto momenti e ricordi straordinari che con tanti colleghi ho condiviso nel corso della mia carriera. Grazie.”

La scheda. (fonte Wikipedia).

Riccardo Cucchi laureatosi in Lettere, nel 1979 viene assunto alla Rai dopo aver vinto un concorso per radiotelecronisti, e dal 1981 al 1991 sarà attivo nella sede molisana della radiotelevisione pubblica. Qui comincia a lavorare per il noto programma radiofonico Tutto il calcio minuto per minuto seguendo il Campobasso in Serie B, e collabora anche con 90º minuto. In seguito si affianca a voci storiche della trasmissione come Sandro Ciotti, Enrico Ameri e Alfredo Provenzali, e oltre al calcio segue anche canottaggio, scherma e atletica leggera, sport quest’ultimo di cui commenta, nel 1992, le gare alle Olimpiadi di Barcellona. Nella stagione 92-93 inizia ad alternarsi a Sandro Ciotti nel ruolo di prima voce di Tutto il calcio quando il campo principale è lontano da Milano (dove Ciotti deve trovarsi la sera per condurre La Domenica Sportiva). Due anni più tardi, nel 1994, sostituisce Sandro Ciotti come radiocronista della Nazionale e prima voce di Tutto il calcio minuto per minuto, ruolo che manterrà per 23 anni, raccontando 19 scudetti. Ha partecipato come inviato a otto Olimpiadi e sei Mondiali di calcio, tra cui quello di Germania 2006; la radiocronaca della finale vinta dall’Italia è diventata celebre dopo la sua diffusione su Internet. Nell’estate 2007 viene nominato caporedattore dello sport a Radio Rai, succedendo a Marco Martegani. Il 4 giugno 2014 dallo Stadio Renato Curi di Perugia effettua la sua ultima radiocronaca della Nazionale in occasione dell’amichevole contro il Lussemburgo (ultimo incontro prima del campionato del mondo 2014), lasciando dopo vent’anni l’incarico di prima voce degli Azzurri a Francesco Repice, che fino ad allora lo affiancava nelle cronache. Il 12 febbraio 2017 con Inter-Empoli della 24ª giornata di campionato di Serie A ha commentato la sua ultima partita. Sempre nello stesso giorno ha dichiarato di tifare per la Lazio, aggiungendo di aver sempre cercato di raccontare con imparzialità le radiocronache della squadra biancoceleste. Della Lazio ha peraltro annunciato in diretta radio, durante la cronaca di Perugia-Juventus, la vittoria del secondo Scudetto. In quell’occasione la sua voce è stata diffusa all’interno dello Stadio Olimpico di Roma, invaso dai tifosi biancocelesti in attesa della fine del match dei bianconeri, sospeso per due ore a causa di un violento acquazzone che si era abbattuto su Perugia. Dal 20 agosto 2017, dopo anni di radio, debutta in tv conducendo La Domenica Sportiva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...