Si uccide un giovane trentaseienne

36enne si uccide gettandosi dalla terrazza della struttura residenziale psichiatrica di via Curtatone

ambulanza

Il gesto dopo aver fatto colazione e stava per andare a lavorare. Indagini affidate ai carabinieri.

AREZZO – Questa mattina, alle 6,30, un ospite della Struttura Residenziale Psichiatrica di via Curtatone si è gettato dalla terrazza della struttura, rimanendo ucciso  dopo un volo di 5 metri.  Inutili i tentativi di soccorso del personale sanitario della struttura prima e del 118 poi. Il Sostituto Procuratore della Repubblica Julia Maggiore, dopo il sopralluogo e i rilievi di legge eseguiti dai carabinieri, ha autorizzato la rimozione della salma, adesso a disposizione  dell’autorità giudiziaria presso l’obitorio del San Donato.

L’uomo aveva 36 anni.

Era giunto poco più di un mese fa su disposizione dell’autorità giudiziaria. Aveva ottenuto l’autorizzazione a recarsi al lavoro ogni giorno con propri mezzi e a rientrare nella struttura residenziale nel pomeriggio.  Anche questa mattina era pronto ad uscire dopo aver fatto colazione. Poi come ogni giorno  ha detto che andava in camera a prepararsi.  L’uomo, come hanno  dichiarato i sanitari ai carabinieri, non aveva dato segnali di particolare disagio in questi giorni.  Era una persona in cura presso le strutture psichiatriche dell’azienda da molto tempo.  Esattamente un anno fa fu protagonista di un grave episodio dentro l’ospedale della Fratta. Di notte, mentre due infermieri lo stavano assistendo, reagì aggredendoli e picchiandoli, per poi andare in una camera del reparto di medicina dove colpi un anziano ammalato, che pochi giorni dopo morì.  Nella struttura di via Curtatone ci sono 10 ospiti. E’una residenza psichiatrica ad alta intensità con una assistenza 24 ore su 24.  Gli ospiti autogestiscono i propri spazi (puliscono, si fanno da mangiare, etc.) con il supporto di personale di assistenza nelle 24 ore ed educatori di giorno, mentre medici e infermieri garantiscono la presenza per attività programmata e al bisogno. Al cordoglio e alla vicinanza che l’Azienda esprime alla famiglia, si aggiunge il particolare dolore degli operatori e degli altri ospiti della struttura che con l’uomo avevano un buono e positivo rapporto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...